La società vista con gli occhi di Francesco Gesualdi

Due secoli di economia della competizione dell’accumulo e del profitto hanno dilapidato il pianeta e trasformato miliardi di persone in derelitti.”

Questa è la nostra realtà ben sinteticamente descritta da Francesco Gesualdi.

E' una realtà che ci tocca tutti, sia da un punto di vista personale che ambientale, eppure quanti di noi hanno mai fatto una analisi approfondita di quello che stiamo vivendo? Siamo mai riusciti ad astrarci, a vedere le cose con la giusta distanza per renderci davvero conto di quello che ci sta accadendo?

Nel nostro comodo modo di vivere dove ciò che è vecchio o superato dalle mode viene buttato perchè diventato un scarto, abbiamo mai riflettuto sul fatto che anche noi Esseri Umani veniamo trattati allo stesso modo? Remunerati nel mercato del lavoro in base a disumane leggi di mercato, ed eliminati appena non serviamo più, diventando poi un peso per la società.

Siamo talmente dentro questo sistema che ci sembra tutto normale, una pesante normalità da accettare in modo inesorabile perchè senza via d'uscita: il mercato dispone, sfrutta, dilapida e annienta.

Ma è proprio vero che non c'è via d'uscita?

EcosolBologna vi invita a leggere il Prologo del libro “Risorsa Umana – l'economia della pietra scartata” di Francesco Gesualdi, messo gentilmente a disposizione dalla Casa Editrice San Paolo, perchè è un perfetto ritratto della realtà che stiamo vivendo, ma nel quale vi sono anche i semi per renderci conto di come possiamo veramente cambiare il sistema.

Ancora meglio è continuare la lettura completa del libro, ma questo EcosolBologna non lo riesce a fornire, l'invito è di procurarvelo, in libreria o in biblioteca.

Buona lettura!

L'energia dal nostro punto di vista: 18 Febbraio, 3 Marzo, 8 Aprile ore 20.30.

Cos'è un Des ? Cosa fanno i gruppi quando si riuniscono e decidono di proseguire insieme lungo un cammino verso l'ulteriore sviluppo di nostre prassi già attuate ? Come pensiamo all'Energia ? In tre serate, che non hanno la pretesa di essere esaustive, iniziamo a vedere cosa possiamo fare, INSIEME per dare il nostro piccolo (forse doveroso) contributo al cambiamento dal basso.

Nutrirsi bene per non mangiarsi il futuro - sala polivalente del Quartiere Savena, via Faenza 4

Quattro incontri rivolti alla cittadinanza che declinano declinano in maniera pratica e teorica il nostro tema centrale, ovvero la sovranità alimentare, intesa come diritto della gente all’ autoproduzione SOSTENIBILE del proprio cibo SANO.

1) giovedi 18 febbraio 2016, ore 18-20
Agricoltura contadina e salute della t/Terra

2) giovedì 17 marzo, ore 18-20
“Il giusto equilibrio per una sana crescita: Cibi sani, prodotti e allevati nel rispetto dell’ambiente e della salute”

30 Gennaio 2016

Nuove comunità, nuove mutualità:

alternative e/o vie di fuga.

Ne parliamo con : Roberto Mancini (filosofo e autore di “Trasformare l’economia”)

e Mauro Bonaiuti (bioeconomista e promotore della Rete Italiana di Economia Solidale)

Casa per la Pace La Filanda Via Canonici Renani 8 Casalecchio di Reno

Rifiuti Zero: ora è possibile: ridurre, riciclare, riusare.

11 Dicembre 2015 ore 20.30

Presso La Casa dell’Angelo in via San Mamolo, 24 :

RIFIUTI ZERO, ora è possibile. RIDURRE, RIUSARE, RICICLARE .

Prendendo spunto dalla nuova legge dell’Emilia Romagna sui rifiuti (L.R. 5/10/2015 n. 16), il Distretto di Economia Solidale di Bologna e Provincia invita i cittadini a confrontarsi con: • Lanzarini Pierpaolo, cittadino informato dei fatti • Enzo Favoino, direttore della Scuola Agraria del Parco di Monza; • Walter Ganapini, direttore Generale ARPA Umbria, già Presidente Nazionale Greenpeace; • Natale Belosi, Ecoistituto di Faenza, estensore della proposta di legge di iniziativa popolare.

04 Dicembre 2014: come utilizzare Energia elettrica 100% Rinnovabile e Solidale e come diventarne "produttori".

04 Dicembre 2015 ore 20.30

v. Canonici Renani, 8  - Casalecchio di Reno (Bo)

Nel 2006 diversi Gruppi di Acquisto Solidale presenti sul territorio nazionale si sono messi insieme per trattare il complesso tema dell'' "ENERGIA" con l'obiettivo di identificare un produttore/fornitore di energia "pulita". Strada facendo al "progetto" si sono uniti tanti altri gruppi ed è nata l'Associazione "Co-Energia: progetti collettivi di Economia Solidale". Il Distretto di Economia Solidale di Bologna e Provincia (insieme di tanti gruppi attivi sul nostro territorio), promuove : - L'uso razionale dell'energia; - La fruizione da Fonti di Energia Rinnovabile (100% rinnovabile, sostenibile e Solidale); - La possibilità di diventare produttori di Energia.

Gli allevamenti si raccontano: impatto sulla salute degli animali, delle persone e dell'ambiente.

24 Novembre 2015 ore 20.30 presso

 Casa per la Pace la Filanda - Via Canonici Renani 8 Casalecchio di Reno (BO)

Giovanni Paganelli - LR 19/2014 “Norme per la promozione e il sostegno dell’economia solidale;

Pietro Venezia veterinario omeopata, co-autore del libro “ConVivere, l’allevamento del futuro”, vincitore del Premio Parco Majella, Premio Nazionale di Letteratura Naturalistica;

Andrea Cenacchi allevatore con esperienza prima di allevamento industriale ed ora biodinamico;

Azienda Agricola Cottu Salvatore - allevatore con metodo biologico allo stato semi-brado di pecore sarde.

Casa per la Pace - Gas La Filanda (costituendo Des Bologna - www.ecosolbologna.org):

Una scelta difficile, ma coerente!

20 Novembre 2015 ore 20.30 presso

Casa per la Pace la Filanda - Via Canonici Renani 8 Casalecchio di Reno (BO)

Ecosolbologna (ovvero i gruppi che si stanno incontrando per costruire il nostro Distretto di Economia Solidale) presenta:

La Morellato energia è una piccola ditta che si occupa di energia pulita a Ghezzano (Pisa).

Ricevuta una grossa commessa per la costruzione di un particolare impianto di refrigerazione da una ditta specializzata per la costruzione di siluri, Valerio Morellato ha analizzato attentamente questa proposta e, con la condivisione dei propri operai, con il coinvolgimento del Distretto Economico Solidale, ha deciso di rifiutare la commessa di lavoro.

Una scelta difficile !! Una scelta coerente con la propria idealità !!

Ma è possibile nell’attuale mondo del lavoro poter fare queste scelte ? E’ possibile con la crisi imperante, con le regole ferree della nostra economia mettere al primo posto valori e responsabilità etiche ?

Pagine